giovedì 8 dicembre 2016

TrentinoInJazz 2016: Bombardieri, Gallo e Calcagnile per il concerto di chiusura!

Con una originale rivisitazione del patrimonio di Duke Ellington si conclude il lungo cartellone della rassegna trentina partito lo scorso giugno. Appuntamento domenica 11 dicembre a Rovereto
TrentinoInJazz 2016: Bombardieri, Gallo e Calcagnile per il concerto di chiusura!


Trentino Jazz
Fondazione CARITRO
Provincia autonoma di Trento
Regione Autonoma Trentino Alto Adige

presentano:

TRENTINOINJAZZ 2016
...il percorso del jazz...
Autumn Edition: 21 settembre - 11 dicembre 2016


Domenica 11 dicembre 2016
ore 19.30
Circolo Operaio Santa Maria
Via Santa Maria, 22
Rovereto (TN)

BOMBARDIERI/GALLO/CALCAGNILE TRIO PLAYS DUKE

Guido Bombardieri: sax alto e soprano
Danilo Gallo: contrabbasso
Cristiano Calcagnile: batteria

ingresso gratuito



L'ultimo concerto del TrentinoInJazz 2016! Domenica 11 dicembre 2016, dopo una lunga, fitta ed entusiasmante programmazione partita lo scorso giugno, si chiude il TrentinoInJazz 2016. Una rassegna unica nel suo genere, articolata tra le varie realtà delle valli trentine, con un ventaglio di proposte che ha abbracciato l'intero arco del jazz contemporaneo. Tra paesini e località turistiche, tra cittadine e concerti in alta montagna, il TrentinoInJazz 2016 ha raccolto successo di pubblico e ottimi responsi critici grazie alla qualità del cartellone. 

Dopo sei mesi di programmazione, il festival si chiude a Rovereto (TN) con l'ultimo concerto della sezione TrentinoIn Jazzclub - ideata da Emilio Galante - al Circolo SantaMaria. I protagonisti di questo speciale live sono Guido Bombardieri, Danilo Gallo e Cristiano Calcagnile, un trio a dir poco straordinario: tre personalità cruciali del jazz italiano, che grazie a numerosissime collaborazioni, ad album e a progetti incrociati, tra solismi e gruppi, sintetizzano perfettamente l'autorevolezza internazionale raggiunta dal jazz nostrano. Per l'occasione, la parola d'ordine è Duke.

Nessun segreto, l'intenzione del trio è quella di rivisitare le composizioni del grande Duke Ellington attraverso uno sguardo analitico e asciutto. Un'operazione che incuriosirà sicuramente: i tre musicisti affrontano il songbook di uno dei più autorevoli compositori del '900 senza alcuno strumento armonico a garantire le grandi orchestrazioni del maestro. Un modo coraggioso ma stimolante per ripartire dallo scheletro, dall'essenza.  La Musica di Ellington è patrimonio collettivo e tutto ciò che, in apparenza, manca, suona nell'aria come una solenne presenza. Memoria collettiva e potere dell'immaginario. La profonda leggerezza di un grande maestro. non c'era modo migliore per chiudere il TrentinoInJazz 2016, tra storia, presente e sguardi verso il futuro.



Calendario completo_
8 giugno-11 dicembre:



TrentinoInJazz 2016 info:

Trentino Jazz:

Trentino Cultura:

Crushsite mediapartner:
 

Ufficio stampa:

info@synpress44.com


Tel. 349.4352719 – 328.8665671

mercoledì 7 dicembre 2016

TrentinoInJazz 2016: penultimo appuntamento con Alterazioni di Guerra!

Sabato 10 dicembre a Brentonico un avvincente progetto tra musiche, immagini, teatro civile e memorie belliche con Motta, Turra, Stride e Greco. Ultimo concerto della rassegna domenica 10 a Rovereto: Bombardieri, Gallo e Calcagnile plays Duke
TrentinoInJazz 2016:  penultimo appuntamento con Alterazioni di Guerra! 


Trentino Jazz
Fondazione CARITRO
Provincia autonoma di Trento
Regione Autonoma Trentino Alto Adige

presentano:

TRENTINOINJAZZ 2016
...il percorso del jazz...
Autumn Edition: 21 settembre - 11 dicembre 2016

Sabato 10 dicembre 2016
ore 21.00
Teatro Monte Baldo
Via Roma 9 
Brentonico (TN)

ALTERAZIONI DI GUERRA

Marco Motta: clarinetto
Alberto Turra: chitarra elettrica
Sarah Stride: voce
Stefano Greco: elettronica

ingresso gratuito




Si avvicina alla sua conclusione il lunghissimo calendario di concerti del TrentinoInJazz 2016. Dopo una fitta stagione estiva e un altrettanto intenso cartellone autunnale, si celebra sabato 10 dicembre a Brentonico - in occasione della sezione Brentonico Jazz - il penultimo appuntamento con la rassegna trentina, stavolta al crocevia tra musiche, teatro, coscienza civile e storia: Alterazioni di Guerra!

Nato da un' idea del fiatista Marco Motta e del chitarrista Alberto Turra (insieme anche in altri progetti come la scoppiettante Mamud Band), "Alterazioni di guerra" è un progetto sulla Grande Guerra, ideato con l'obiettivo di raccontare in uno spettacolo e con un linguaggio figurativo e musicale moderno, eventi, spazi, suoni e immagini che hanno segnato profondamente la coscienza del mondo occidentale. Uno spettacolo che fa parlare la musica con le arti figurative per non dimenticare gli orrori della guerra e per rileggere la nascita delle avanguardie dei primi del '900. Brani originali interpretati dal vivo da musicisti di talento, che interagiranno con quadri e immagini di repertorio della Grande Guerra proiettati allo scopo di creare effetti che porteranno lo spettatore a rivivere emotivamente spazi e stati d’animo legati all’esperienza della guerra

Prossimo e ultimo appuntamento:
Domenica 11 dicembre, Rovereto (TN): Bombardieri/Gallo/Calcagnile trio "plays Duke".


Calendario completo_
8 giugno-11 dicembre:



TrentinoInJazz 2016 info:

Trentino Jazz:

Trentino Cultura:

Crushsite mediapartner:
 

Ufficio stampa:

info@synpress44.com
Tel. 349.4352719 – 328.8665671
 

martedì 6 dicembre 2016

Ambienti: il quarto album di Giovanni Di Giandomenico

Ricordi, sensazioni, luoghi e una Moleskine, in viaggio tra Palermo, Berlino, Roma e Bregenz: pianoforte, piano preparato ed elettronica nel percorso del giovanissimo compositore, fiore all'occhiello di Almendra Music
Ambienti: il quarto album di Giovanni Di Giandomenico



GIOVANNI DI GIANDOMENICO
Ambienti 
11 tracce | 69.43
Almendra Music (AM0022) 
Cd e digitale (iTunes, Spotify, Amazon, etc): The Orchard




"Quando iniziai a scrivere il primo brano di Ambienti ero in pausa pranzo, in Via Vittoria 6, Accademia di S. Cecilia, fra due turni di lezione con il M° Ivan Fedele. Non immaginavo che quello che stavo scrivendo sulla mia Moleskine sarebbe diventato la cellula di uno dei lavori discografici che più mi hanno coinvolto ed appassionato, nella sua progettazione e scrittura, e ovviamente poi nella sua produzione in Almendra Music". Dopo l'album di debutto nel 2013, e a un anno di distanza dalla doppia release di Lisca e QGiovanni Di Giandomenico torna con Ambienti, un album che coniuga rigore compositivo e alta temperatura emozionale, incarna in pieno le sfide lanciate da Almendra, racchiude senso e direzione di questa nuova musicalità che si nutre di luoghi, sensazioni, memorie, pratiche consolidate e ricerche inedite.

Non è un semplice album "piano solo"Ambienti. Include l'uso del piano preparato e dell'elettronica, in un rigoroso gioco di specchi tra suoni naturali e artificiali, che avvince e conquista poiché si risolve nei pensieri, nelle emozioni e nelle vicende umane, ancor prima che artistiche, dei suoi ascoltatori e del suo autore. Un musicista giovanissimo e curioso, costantemente in movimento tra le complessità mediterranee della sua Palermo e la modernità nordeuropea di Berlino, attento alle novità e rispettoso delle lezioni del passato, sempre vicino al suo pianoforte ma mai ingessato, mai costretto dal canone o da timori reverenziali. Non è un caso che Ambienti sia un intimo, delicato ma visionario diario di viaggio: un album figlio di luoghi e non-luoghi, esperienze, visioni, sensazioni - anche tattili, anche olfattive - e ricordi. Un album in prospettiva: questa nuova uscita Almendra per pianoforte inaugura non solo i prossimi lavori di Di Giandomenico (già previsti per il 2017), ma anche una serie di "Almendra piano album" (Valentina Casesa, Marco Betta, Marcello Bonanno etc.) caratterizzati ciascuno dal protagonismo dello strumento e da un sistema compositivo di volta in volta diverso ma coerente, riconoscibile, e dai risultati pregnanti sia intellettualmente che emotivamente.



Nato a Palermo nel 1993 e oggi di stanza a Berlino, formato in pianoforte, composizione, direzione d'orchestra e improvvisazione tra il Conservatorio V.Bellini di Palermo, la Guildhall School of Music and Drama di Londra e l’Accademia Nazionale di S. Cecilia a Roma, Giovanni Di Giandomenico sfugge a qualsiasi categoria, a qualsiasi dialettica colto/popular, impegnato/leggero, e non ha bisogno di esibire ribellioni, perché: "Non ho mai avuto regole e apriori nell’ascolto o nella ricerca coerente di ciò che mi interessa. Mi lascio sorprendere da tutto sapendo di avere casa mia in ordine, pronta ad accogliere chiunque, in qualsiasi momento; che l’ospite inatteso sia Kurt Cobain o Gustav Mahler poco importa, si metta comodo e mi racconti le sue storie". Dai locali dell’underground palermitano all’Auditorium Parco della Musica a Roma, dalla NAMM Musikmesse di Mosca fino a battute di busking per le strade di Bologna, Giovanni ama portare la sua musica nei luoghi più disparati, dal vivo e in studio, in collaborazioni con musicisti di ogni estrazione linguistica, dall’hip-hop al noise rock, dalla world music all’avant jazz e alla musica classica e contemporanea, oltre a prestare la propria musica al teatro, al cinema e alla videoarte.
 Questa varietà di stimoli geografici e artistici è il motivo fondante del nuovo album, ideato e scritto tra Palermo, Berlino, Roma e Bregenz, registrato e compiuto negli studi Almendra Music a Palermo: "Si chiama Ambienti perché è dagli ambienti che prende vita: gli aeroporti e le loro umanità sospese, i ristoranti nelle pause pranzo, camere d’albergo, lo studio di Almendra. Ambienti che però, in me, sempre di più, una volta vissuti, diventano luoghi e tempi di memoria, interni e difficili da spiegare, più facili da ricreare con suoni, sogni e anche odori". La musica di Ambienti rappresenta in maniera efficace l'indole di Giovanni, la sua consapevolezza delle tradizioni classiche, del popular e delle avanguardie del ‘900 in un mix di spontaneità, rigore, energie e intimità, orientato alla esplorazione del potenziale materico del suono, a partire dal prediletto pianoforte, integrato dall’uso di strumenti elettronici sia analogici che digitali.

Ambienti esce martedì 6 dicembre 2016 in formato fisico, download e streaming in tutte le piattaforme digitali (distribuzione The Orchard). Presentato in anteprima streaming su SentireAscoltareAmbienti sarà presentato dal vivo in una puntata speciale di Musica MED Live (Rai Radio1 - Rai Web Radio7) giovedì 8 dicembre alle 12.30, con Marzia Puleo e uno showcase live di Giovanni Di Giandomenico. La prossima release Almendra Music, settima tra le quattordici in calendario fino al prossimo maggio 2017, è in programma martedì 27 dicembre 2016: il debutto piano solo della compositrice e pianista Valentina Casesa.



Ambienti:

1. Ambiente 0
2. Ambiente 1
3. Ambiente 2
4. Siciliana 
5. Ambiente 3
6. Ambiente 4 
7. Ambiente notturno 1
8. Ambiente 5
9. Ambiente notturno 2
10. Ambiente notturno 3
11. Ambiente inesistente

Giovanni Di Giandomenico: piano | prepared piano | electronics 


Info:

Almendra Music:

Giovanni Di Giandomenico:

Synpress44 ufficio stampa: