domenica 19 novembre 2017

Untitled #1: Valentina Casesa dal pianoforte allo smartphone

Un originale videoclip di immagini e visioni per la compositrice palermitana. Realizzato con un telefonino insieme ad Antonio Cusimano a.k.a. 3112htm, narra un viaggio tra sonno e veglia, all'insegna del piano 'modern classical' di Almendra Music 
Untitled #1: Valentina Casesa dal pianoforte allo smartphone


UNTITLED # 1


Valentina Casesa: piano

Tratto da Orior - Almendra Music (AM0024)



«Il video di Untitled #1 é rappresentazione, racconto di un cammino, un viaggio di colori, di luci e di ombre, onirico ma sognato nella veglia, per restituire un momento di calma nel movimento al mondo impazzito e schiavo del tempo del profitto. Un mio sguardo sul tempo per giocare col tempo stesso, rallentarlo alla velocità della musica, e così conoscerne o riconoscerne le più intime sfumature. L'ho immaginato, pensato: del cammino ho preso gli odori, le luci, il ritmo dei passi, li ho trasformati, resi immagini attraverso i microfoni e una videocamera che riprende alla stessa velocità del mio sguardo». È un vero e proprio itinerario nel profondo il nuovo videoclip di Valentina Casesa, realizzato con Antonio Cusimano a.k.a. 3112htm. Immagini in movimento come in un sogno lucido, riprese in quello che Goethe chiamò “il promontorio più bello del mondo”, Monte Pellegrino a Palermo; flash evocativi di stati d'animo, pensieri e rimembranze, in bilico tra sogno e realtà, abbandono e attenzione.  Il video di Untitled #1 arriva a quasi un anno di distanza da Orior, il debutto discografico della compositrice palermitana, sull'eco del grande successo riscosso dalla speciale “piano night” con cui i pianisti e compositori Almendra Music hanno inaugurato lo spazio eventi del nuovo community hub Cre.Zi.Plus ai Cantieri Culturali alla Zisa a Palermo in occasione di Piano City. Di Orior il video di Untitled #1 è una sorta di "prolungamento visivo", l'immagine è infatti un elemento fondante della musicalità di Valentina Casesa, come testimoniava l'EP d'esordio, come hanno dimostrato Frammenti Riflessi, i brani scritti per il Duo Blanco Sinacori nel 'pucciniano' Hacked Arias, pubblicato da Almendra lo scorso giugno.  



Orior è stato un capitolo importante della speciale serie di piano solo di Almendra Music, la factory sempre attenta a concentrare in un album percorsi, geografie umane e artistiche, sensazioni tradotte in musica e offerte all'immaginazione e alla sensibilità dell'ascoltatore. Era inevitabile, visto il contesto artistico di Almendra, che anche il videoclip fosse qualcosa di diverso dal solito biglietto da visita, infatti si caratterizza per un lavoro di alta partecipazione creativa, a partire dalla stessa Valentina, artefice del girato. Il video di Untitled #1 è dunque un punto di vista in movimento, come lo era - mutatis mutandis - il disco Orior. Lo sottolinea Antonio Cusimano a.k.a. 3112Htm, artista visivo e art director di Almendra Music: «Untitled #1 è il primo video Almendra in cui abbiamo provato a dare in mano al musicista stesso le basi della visione: la ripresa. Valentina aveva infatti le idee molto chiare su cosa vedere, in che sequenze vederlo, e come vederlo. Le ho chiesto quindi di girare personalmente le scene del suo videoclip: con un cellulare, con una action camera, o con quello che preferiva lei. Il risultato è un video che rimanda alle estetiche dello "home made", pur non essendo propriamente un video home made: girato infine con uno smartphone, a piedi o in motorino nei dintorni di Monte Pellegrino a Palermo. L'esito finale è venuto fuori dopo avere giocato un po' sul girato: molto vicino ai toni dei vecchi vhs, leggermente fuori fuoco, con l'intrusione di tecniche di glitch art, analogiche e digitali, in funzione di collegamenti tra le varie scene, con l' effetto di indurre l'idea di una sorta di "errore percettivo" nella ricostruzione di eventi dalla memoria visiva, come accade in un sogno».  



Compositrice e pianista di solida formazione classica, Valentina Casesa è autrice di musica strumentale e d'opera, musica per le immagini e per la danza. Le sue composizioni sono narrazioni in continua evoluzione, senza certezza di sviluppo e fine, moti continui che avvolgono in calmi paesaggi o sorprendono con scarti improvvisi, e coinvolgono ascoltatori da qualsiasi background sollecitando emozioni e immagini profonde, complice anche una ricerca del colore strumentale sempre ben ponderata e spesso sorprendente. Orior è composto da cinque brani: una sorta di piccolo scrigno 'modern classical' che Valentina ha sigillato prima di partire per questa avventura discografica che la vedrà tornare negli studi palermitani di Almendra Music il mese prossimo per il suo album di lunga durata che sarà pubblicato nel 2018.  

 
Info:

Almendra Music:

Untitled #1 - Videoclip:

Valentina Casesa - Orior:

Synpress44 ufficio stampa:

 

sabato 18 novembre 2017

Hacked Arias: Duo Blanco Sinacori in concerto a Palermo!

Martedì 21 novembre al Teatro Politeama Alessandro Blanco e Giuseppe Sinacori, le chitarre gemelle di Almendra Music, continuano il tour di presentazione della loro avvincente reinvenzione delle arie di Giacomo Puccini 
Hacked Arias: Duo Blanco Sinacori in concerto a Palermo!  


Martedì 21 novembre 2017 
ore 21.15
Teatro Politeama Garibaldi 
Via Turati, 2 
Palermo

Associazione Siciliana Amici della Musica
è lieta di presentare

DUO BLANCO SINACORI IN CONCERTO

Biglietti:
intero €20 /ridotto €15 /anfiteatro €10
[Riduzioni: spettatori over 65; 
titolari di cartapiù o multipiù Feltrinelli, moduscard; 
Amici del teatro massimo].



Martedì 21 novembre alle 21.30 un nuovo appuntamento con il Duo Blanco Sinacori, stavolta in concerto al Teatro Politeama Garibaldi a Palermo. Un concerto importante per vari motivi: i due chitarristi suoneranno per lastagione concertistica 2017 dell’associazione siciliana Amici della Musica Palermo, presenteranno in anteprima alcuni dei brani che comporranno il secondo volume della serie #HackedArias (Almendra Music), dedicato a Vincenzo Bellini, sveleranno per la prima volta una delle composizioni scritte appositamente da Marco Betta. Non mancheranno i brani dell'ultimo album Hacked Arias dedicato a Giacomo Puccini con due brani di Valentina Casesa. Un'occasione importante per vedere dal vivo le chitarre gemelle con un nuovo progetto discografico che sta raccogliendo un significativo interesse. 

«Quando con Giuseppe avviai il Duo Blanco Sinacori non avrei mai immaginato di realizzare un album del genere: l’idea di poter tradurre con una coppia di chitarre la sapiente potenza comunicativa di un’aria d’opera mi sembrava impossibile. Poi invece arrivarono le Hacked Overtures del nostro primo album, e poi arrivò Nessun Dorma! Fu questa la prima Aria che traducemmo per il Duo, da noi inizialmente pensata come bis dopo concerti, e il suo incredibile successo nei live ci spinse a continuare verso questa strada» (Alessandro Blanco). 
«Riprendendo concept e forma del nostro album di debutto, pensammo che le celeberrime arie di Puccinidovevano essere intermezzate da virtuosi virus del pensiero e del codice musicale, in grado di insinuarsi nella percezione musealizzata del repertorio e così ricollocandolo nel tempo naturale della cosiddetta “musica classica”: il tempo presente dell'ascolto, l'oggi. Qui entra in gioco Valentina Casesa, grande artista il cui genio musicale era già a noi noto, peraltro con una sua originalissima ricerca proprio sul tempo e sulla memoria, personale e nella storia della musica. Valentina non tardò ad accettare l'invito e scrisse le due perle in dialogo con le Arie pucciniane» (Giuseppe Sinacori).



Da Rossini e Bellini a Puccini. Dalle sinfonie d'opera alle arie. Dallo studio al concerto, dal successo di Nessun dorma al ritorno in studio. Due chitarre gemelle e speculari, due pirati delle sei corde tanto rispettosi quando audaci. Hacked Arias (Vol. 1: Giacomo Puccini) è un disco importante: come sempre accade nelle produzioni Almendra Music, anche un album breve di cinque brani si rivela il punto d'arrivo di un percorso musicale, compositivo e interpretativo, colto e umano, in un catalogo discografico la cui coerenza trova la propria realizzazione nella varietà delle musiche e del pensiero che lo informa. Il secondo lavoro del Duo Blanco Sinacori è proprio questo, il manifesto cristallino e coerente di una visione artistica che guarda al passato per farlo respirare con il presente, e viceversa: l'omaggio a una 'materia vivente' con l'inedita versione chitarristica di tre celebri arie di Giacomo Puccini, vere e proprie “hit” come E lucevan le stelle (Tosca, 1899), O mio babbino caro (Gianni Schicchi, 1918), la già citata Nessun Dorma (Turandot, 1923), in dialogo con due brani di Valentina Casesa (Frammenti e Riflessi), pensati e composti per questo progetto del Duo Blanco Sinacori.

Duo chitarristico nato nel 2009 con la guida di Antonello Farulli all'Accademia “Incontri col Maestro” di Imola, il Duo Blanco Sinacori ha bruciato le tappe affermandosi subito a livello internazionale con un'attività concertistica che dall'Italia ha presto incontrato il pubblico di quattro continenti (in particolare il tour in Cina), grazie a una proposta musicale che fa tesoro della grande cultura musicale italiana col preciso intento di rivitalizzare, senza populismi né banalizzazioni, l'immagine irrigidita della chitarra classica nella musica d'oggi. Alessandro Blanco e Giuseppe Sinacori sono musicisti chiave nell'evoluzione di Almendra Music: il loro debutto Hacked Overtures del 2015 è diventato un titolo "storico" della label-laboratorio siciliana, lo stesso Blanco con Heptachord (in coppia col sassofonista Nicola Mogavero) ha offerto al pubblico e alla critica un altro punto di vista "almendrico", tra world music, prog e musica contemporanea di scrittura. Il Duo Blanco Sinacori suona una coppia di chitarre gemelle (una mancina l’altra destra) appositamente costruite dal liutaio Vincenzo Candela. Hacked Arias estende la ricerca alle arie di Puccini, ancora una volta con un approccio rigoroso ma tutt'altro che museale. L'obiettivo del duo è legato al desiderio di far respirare nella contemporaneità - dunque per un pubblico che ha abitudini, rituali e consapevolezze diverse rispetto a quello dell'era pucciniana - celeberrime arie d'opera accanto a brani d'autore appositamente composti, attuali e funzionali al concept.




Duo Blanco Sinacori:

Associazione siciliana Amici della musica:

Almendra Music:



giovedì 16 novembre 2017

Choro de Rua al TrentinoInJazz!

Domenica 19 novembre a Rovereto l'amore e la passione per la musica brasiliana con la flautista italiana Barbara Piperno e il chitarrista e mandolinista brasiliano Marco Ruviaro. Il 25 Duo Zamuner a Trento  
Choro de Rua al TrentinoInJazz 2017!



TRENTINOINJAZZ 2017 
e
TrentinoIn Jazz Club
presentano:

Domenica 19 novembre 2017 
ore 19.30,
 Circolo Operaio Santa Maria
Via S. Maria, 18
Rovereto (TN) 

CHORO DE RUA

ingresso gratuito




Domenica 19 novembre nuovo appuntamento con TrentinoIn Jazz Club, la sezione del TrentinoInJazz 2017 che si svolge in vari club di Trento, Rovereto, Riva del Garda e Mori. Al Circolo Operaio Santa Maria di Rovereto arriva il duo Choro de Rua!

Choro de Rua nasce nel 2012 grazie al desiderio di diffondere con entusiasmo e determinazione lo Choro (si pronuncia “scióro”) in Italia e in Europa, una raffinata musica strumentale brasiliana che fa bene a chi la suona e a chi la ascolta. Il duo formato dalla flautista italiana Barbara Piperno e dal chitarrista e mandolinista brasiliano Marco Ruviaro svolge un’intensa attività sia concertistica che di ricerca e divulgazione. 



Parallelamente alle esibizioni dal vivo (festival, house concerts, piccoli teatri e piccole incatevoli piazze di alcune città d’arte), Choro de Rua s’impegna quotidianamente ad informare chi si avvicina al mondo dello Choro, promuove incontri aperti a tutti (detti “rodas de choro”), organizza masterclass, distribuisce partiture ai musicisti interessati, risponde alle domande dei curiosi, ecc. Un lavoro intenso, forse pioneristico in Italia, che si somma all'importante impegno di altri musicisti di choro (chorões) in Europa e nel mondo. 

Prossimo appuntamento: sabato 25 novembre (Trento), Duo Zamuner.


Trentino Jazz:

Trentino Cultura:


Ufficio stampa:

info@synpress44.com


Tel. 349.4352719 – 328.8665671